Educare i genitori e i bambini all’uso corretto degli antibiotici

Educare i genitori e i bambini all’uso corretto degli antibiotici

Educare i genitori e i bambini all’uso corretto degli antibiotici

Educare i genitori e i bambini all’uso corretto degli antibiotici. È l’ obiettivo della campagna «I consigli di Mio, Mia e Meo», promossa dalla Federazione italiana medici pediatri (FIMP)

«Troppo spesso si fa ricorso in modo indiscriminato agli antibiotici – spiega Paolo Biasci, presidente della FIMP -. Rappresentano il 44% del totale dei farmaci prescritti in età pediatrica. Solo lo scorso anno sono stati utilizzati dal 38% dei bambini residenti in Italia. Questi dati ci collocano ai primi posti in Europa…Per questo la nostra Federazione ha deciso di avviare un progetto nazionale che vuole raggiungere milioni di famiglie grazie all’aiuto di tre mascotte: Mio, Mia e Meo, due bambini e una bambina protagonisti dell’intera campagna».

Negli studi dei pediatri di famiglia saranno distribuiti opuscoli e flyer con informazioni utili, sagomati con le tre mascotte e i messaggi della campagna e uno speciale game kit con un mini album di figurine. Mio, Mia e Meo compariranno inoltre in brevi video di animazione diffusi online

In particolare si raccomanda ai genitori di non autoprescriversi le cure antibiotiche e rispettare sempre le modalità e le dosi di somministrazione indicati dal pediatra.. La campagna vuole anche sensibilizzare anche il personale medico. Nei bambini circa l’80% delle infezioni è di origine virale, tuttavia l’antibiotico viene impiegato in otto casi su dieci.

“E’ per noi un grande onore supportare i pediatri di famiglia in questa nuova campagna educazionale sull’antibioticoresistenza – conclude il dott. Germano D’Amore, Direttore di Menarini Farma Etico Italia -. La nostra Azienda è da sempre impegnata non solo nella messa a punto di nuove ed efficaci cure mediche ma anche nell’informazione a 360 gradi di una corretta cultura della salute e della prevenzione in linea con le priorità del sistema sanitario”.

Se ti è piaciuto/interessato questo contenuto  seguici con il tuo like sulla nostra pagina Facebook!

Iscriviti qui alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *