Quando la maternità va evitata a tutti i costi: i movimenti child free

Quando la maternità va evitata a tutti i costi: i movimenti child free

Quando la maternità va evitata a tutti i costi: i movimenti child free

Grazie ai social network crescono gruppi di persone con interessi comuni di vario genere, come i cosiddetti gruppi “child free”, di solito composti da giovani donne determinate ad organizzare la propria vita lontane dalla maternità.

Per ottenere questo risultato sembra non siano più sufficienti i metodi contraccettivi esistenti; quello a cui si ambisce è un intervento drastico, che eviti in maniera assoluta e definitiva la possibilità di rimanere incinta.

E quindi via alla sterilizzazione, di solito tramite interventi di salpingectomia bilaterale, ossia di asportazione di entrambe le tube uterine.

Sebbene la legge permetta la sterilizzazione volontaria, non è sempre immediato trovare un medico compiacente, in particolar modo per le donne sotto i trent’anni che chiedono questo genere di intervento e a cui spesso viene proposto almeno un colloquio psicologico.

Le attiviste di questi gruppi però sembrano non gradire questo genere di consigli e di ostacoli: sono sicure della propria scelta, tanto da considerarla a volte una vera e propria referenza da esporre sui curricula o un evento così importante da diventare una ricorrenza da festeggiare.

Crediamo sia indubbio che il valore di una donna non sia vincolato alla maternità. Ci pare tuttavia davvero impegnativo prendere decisioni così drastiche senza possibilità di tornare indietro, specie su un tema così delicato.

Articolo originale

Se ti è piaciuto/interessato questo contenuto seguici con il tuo like sulla nostra pagina Facebook!

Iscriviti qui alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *