Punire o umiliare?

Punire o umiliare?

Punire o umiliare?

Qualche giorno fa è circolata la notizia di una mamma inglese che, dopo aver portato le sue due figlie di 6 e 7 anni a fare la spesa, impone loro di stare sedute a terra, come metodo per punire le bambine ree di essersi scatenate lungo i corridoi del supermercato, disturbando lei e i clienti.

Nell’era dei social, le bambine sono state fotografate e la scena pare abbia fatto il giro del web, scatenando grandi apprezzamenti per il gesto della mamma, in quest’epoca in cui ci piace ripetere che l’educazione dei figli sia ormai senza dubbio troppo lassista.

Vogliamo però lanciare una riflessione controcorrente. La foto delle due bimbe con lo sguardo rivolto verso gli scaffali del supermercato palesa la volontà di umiliazione pubblica a seguito di un comportamento non gradito dalla mamma, e probabilmente neanche dalla maggior parte delle persone presenti al supermercato.

Sicuramente la mamma non ha urlato, né picchiato le bambine, applicando una metodologia che però ha come conseguenza per chi la subisce comunque imbarazzo e mortificazione.

E in fin dei conti la maggior parte di noi gestisce i propri bambini utilizzando spesso queste “armi”.

Ci aspettiamo allora che prenda rilievo qualche notizia in cui un genitore applichi una modalità di contenimento davvero creativa, che accolga i bisogni dei bambini, senza mortificarli, anche se non rispondono pienamente alle proprie aspettative.

Cosa ne pensate?

Se ti è piaciuto/interessato questo contenuto seguici con il tuo like sulla nostra pagina Facebook!

Iscriviti qui alla nostra newsletter

Romy Carra

Sono una Mamma, Professionista della Musicoterapia, Cantante e Insegnante di Massaggio Infantile. Mi piace ascoltare le storie che le persone hanno da raccontare e sono curiosa dei movimenti dell’animo umano. Ho vissuto e lavorato molti anni a Bologna, città che amo, e adesso vivo a Latina. Email: romy.carra@gmail.com Facebook: Romy Carra Percorsi

View my other posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *