mense scolastiche Bologna: ecco le novita’ per l’anno scolastico 2014-2015

mense scolastiche Bologna: ecco le novita’ per l’anno scolastico 2014-2015

mense scolastiche Bologna: ecco le novita’ per l’anno scolastico 2014-2015

Tantissime novità sulle tavole dei 20.000 bambini bolognesi che cominceranno a fermarsi a scuola per il pranzo: stoviglie in ceramica e nuovi menù con oltre il 70% di cibo biologico, dop, igp, lotta integrata e chilometro zero.

L’Amministrazione comunale, considerando molto importante il pasto consumato a scuola, negli ultimi mesi dell’anno scolastico appena trascorso ha assunto alcuni precisi impegni sul miglioramento del servizio, molti dei quali – sulla base degli indirizzi espressi dal Consiglio comunale – sono stati inseriti già nel contratto sottoscritto per questo anno scolastico con SERIBO.

Ecco le principali novità, che rispondono anche alle sollecitazioni emerse nella discussione con la Commissione Mensa Cittadina.

L’impiego dei prodotti di origine biologica, dop, igp, a lotta integrata, equosolidale, a filiera corta e chilometro zero passa dall’attuale 30% ad almeno il 71%, con una netta prevalenza (almeno 51%) dei prodotti di origine biologica
L’azzeramento dell’uso delle stoviglie di plastica, sostituite progressivamente da quelle in ceramica…

2 comments

  1. ReplyStefano

    Non so, ho trovato questo articolo per caso e mi sento il dovere di commentare.
    La questione é più complessa di quanto qui riportato. I genitori riuniti stanno contestando da mesi il servizio mense del comune di Bologna, sotto diversi punti di vista. Il comune, quello che fa, lo sponsorizza come incredibilmente migliorativo fingendo di dimenticare che si tratta di rivendicazione di diritti garantiti dalla legge se non dal buon senso. Ricordo brevemente : i piatti durevoli erano attesi da anni e tuttora non sono operativi per tutti. Non tutti i tipi di menù mensili sono pubblicati e disponibili. Non si sa più nulla dei rimborsi promessi a seguito delle verifiche sulla tariffa sperimentale dello scorso anno. Gli ingredienti dovevano essere diversi giá nei precedenti anni per le leggi vigenti. La tariffazione a consumo è stata introdotta solo di recente. E tralasciamo il clima generale che lo scorso Maggio 2014 ha portato i genitori riuniti a scioperare dal servizio. Il clima è molto meno roseo dei vostri rispettabilissimi font e stylesheets. E tralasciamo tutto il tempo speso e la pazienza di seguire un dibattito che lascia molto perplessi sulla gestione complessiva del servizio.
    Saluti.

    1. staff
      Replystaff

      Grazie per il tuo riscontro.
      Possiamo dirti che proprio per la complessita’ dell’argomento riportiamo notizie provenienti da differenti fonti. Non siamo giornalisti, il nostro obiettivo e’ diffondere e discutere.
      Se controlli le notizie correlate e I Tag vedrai che troveri anche publicata la notizia dello sciopero, delle inefficienze di cui parli. Inoltre abbiamo pubblicato sulla nostra pagina Facebook il post Osservatorio mense con le loro consideazioni.
      Se possiamo permettetci invece non vediamo costruttiva la tua critica sullo stile della notizia correlata al mancato apprezzamento del contenuto.
      Comunque generare discussione su questo tema e’ importante, quindi grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *