‘La sacra famiglia’ è in mostra a Bologna

‘La sacra famiglia’ è in mostra a Bologna

‘La sacra famiglia’ è in mostra a Bologna

La fotografia vincitrice rappresenta il ritratto di una famiglia universale, un presepe interiore: un padre e una madre con il volto coperto e un bambino nudo, incoronato, con il volto scoperto.
L’artista, ribaltando le regole della censura, in un diario intimo libera lo sguardo, promuovendo consapevolezza e profondità, mettendo in luce l’innocenza del bimbo, che è l’unico senza peccati.
 
La censura sugli adulti, anziché sull’infante, denuncia la corruzione, il condizionamento, la crisi, la maschera, il disagio e la degenerazione della società attuale.
 
La riflessione dell’artista Cosimo Terlizzi in “Sacra Famiglia” è una denuncia dell’inadeguatezza genitoriale. Rovesciando l’intento delle immagini dei media che ipocritamente sfumano i volti dei bambini, poiché minorenni, in tante foto di maltrattamenti, l’artista sfuma quello dei genitori a modo di censura e condanna per i loro misfatti commessi ai danni della prole.
 
Terlizzi nasce nel 1973 a Bitonto, nel Sud Italia in provincia di Bari. Il suo fare artistico si manifesta con l’utilizzo di diversi media come la fotografia, la performance, il video e il film. I suoi soggetti spesso umani partono dal singolo per giungere al sociale nel tentativo di trasformare momenti intimi in icone di importanza universale.
 
Il lavoro è attualmente in mostra nella Chiesa di San Mattia, via Sant’Isaia 14 Bologna, nell’ambito dell’esibizione intitolata ‘Kahuna’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *