Genitori mi sa che siamo un pò confusi su farmaci e integratori?! E automedichiamo alla grande!!

Genitori mi sa che siamo un pò confusi su  farmaci e integratori?! E automedichiamo alla grande!!

Genitori mi sa che siamo un pò confusi su farmaci e integratori?! E automedichiamo alla grande!!

Da un’indagine del Centro Studi della Federazione italiana medici pediatri emerge che soltanto il 31% di noi genitori considera il foglietto illustrativo una fonte di informazione e il 5% usa impropriamente i farmaci che ha già in casa. Anche se il 77% di noi si dice preoccupato di eventuali effetti collaterali dei farmaci, ben il 20% non consulta il bugiardino mentre il 30% non si informa sulle terapie da somministrare ai propri figli. Il pediatra si conferma per noi il principale punto di riferimento (77%), seguito dal farmacista (11%). Libri, riviste specializzate e non, televisione e internet non sono ritenute fonte sicura di informazione e meno del 30% di noi utilizza questi mezzi per avere informazioni sulle terapie da effettuare.
Inoltre il 60% di noi genitori confonde gli integratori con i farmaci (state pensando e stiamo pensando: “ANDIAMO BENE”).
Sull’argomento è intervenuta anche Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione, che ha elaborato una serie di regole per riconoscere le diverse tipologie di farmaci e per capire come utilizzarli:
1. L’impiego dei farmaci di automedicazione è indicato per il trattamento di disturbi lievi per un periodo limitato di tempo (3/5 giorni). Se i sintomi persistono o ne compaiono di nuovi è necessario consultare il pediatra.
2. È importante saper distinguere le diverse categorie di farmaci: è senza obbligo di ricetta (di automedicazione) un farmaco che ha sulla confezione il “bollino rosso” sorridente;
3. L’impiego di farmaci con obbligo di ricetta non deve avvenire mai senza il consulto del pediatra, anche se il bambino ha già assunto lo stesso farmaco in passato;
4. Leggere e seguire sempre le istruzioni del foglietto illustrativo;
5. Valutare insieme al pediatra posologia, dosaggio, eventuali allergie o assunzioni concomitanti di altri farmaci;
6. Tenere le confezioni dei farmaci fuori dalla vista e dalla portata dei bambini;
7. È fondamentale conservare le confezioni conformemente alle istruzioni d’uso e controllarne la data di scadenza.
8. Non bisogna fidarsi del passaparola ma solo del consiglio di chi il farmaco lo prescrive (pediatra) o lo dispensa (farmacista).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *