Entrambi i genitori lavorano: favorita l’ammissione alla scuola materna

Entrambi i genitori lavorano: favorita l’ammissione alla scuola materna

Entrambi i genitori lavorano: favorita l’ammissione alla scuola materna

Lo scorso 27 ottobre il Consiglio di Stato ha affermato nella sentenza n.5323 che la finalità della scuola d’infanzia non è la tutela del reddito familiare, bensì la tutela dei bambini che si trovano in situazioni di mancanza di assistenza. La sentenza è arrivata a seguito della mancata ammissione alla scuola d’infanzia del figlio di una coppia veneziana perché solo uno dei suoi genitori era lavoratore. Il regolamento comunale prevedeva infatti come criterio preferenziale per l’ammissione alla scuola materna la situazione in cui entrambi i genitori lavorino, oltre a situazioni di disagio socio-ambientale di diverso tipo. I genitori sono ricorsi al Tar e i giudici di primo grado hanno dato ragione alla coppia ritenendo illogica la scelta dei criteri preferenziali operata dal Comune di Venezia. Ma il Consiglio di Stato ha ribaltato la decisione del Tar evidenziando che «gli scopi della scuola dell’infanzia sono quelli della tutela dei bambini appartenenti alla fascia minore di età non scolarizzati e che abbiano innanzitutto necessità di rimediare a quelle situazioni di mancanza di assistenza piena allo sviluppo, e non tanto quelli di sostenere la capacità contributiva della famiglia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *