Ecco perché per i bambini è così complicato attraversare la strada

Ecco perché per i bambini è così complicato attraversare la strada

Ecco perché per i bambini è così complicato attraversare la strada

Il codice della strada (articolo 191) dice che gli automobilisti dovrebbero dare la precedenza ai pedoni, sempre se hanno iniziato ad attraversare, anche se fuori dalle strisce pedonali. Se il pedone è un bambino la norma è ancora  più protettiva: le automobili in questo caso dovrebbero fermarsi anche se chi vuole attraversare è ancora sul marciapiede.

Ma quanto è complesso per un bambino attraversare la strada?

Prima dei 14 anni attraversare è un attività complessa. Il giudizio percettivo e gli strumenti motori non sono ancora sviluppati appieno. Lo sostiene uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Psychology

Dallo studio risulta che i bambini di 6 anni sono stati investiti ‘virtualmente’ l’8 per cento delle volte, quelli di 8 anni il 6 per cento, a 10 anni la percentuale di incidenti è stata del 5 per cento, e il 2 per cento a 12. Solo per i ragazzi di 14 anni gli incidenti si sono azzerati: nessun adolescente è stato investito. E nessun adulto.

Le motivazioni sarebbero due: la prima è la loro limitata capacità di valutare cioè visivamente la durata dell’intervallo tra la macchina che sta passando e quella che sta arrivando, tenendo conto della velocità della distanza tra i veicoli.  La seconda ha che vedere con i loro capacità motorie, in pratica con quanto velocemente fanno il loro primo passo fuori dal marciapiede dopo che un’auto è appena passata.

Ma perchè questo studio? I ricercatori hanno consigliato ai genitori di abituare i figli ad avere pazienza quando si accingono ad attraversare una strada e incoraggiarli a scegliere intervalli di tempo tra una macchina e la successiva più lunghi di quelli che sceglierebbero loro stessi. E agli amministratori pubblici di valutare con attenzione i luoghi più frequentati dai bambini per inserire in quelle aree strisce o semafori pedonali.

Fonte: La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *