Da Cenerentola a Biancaneve: una nuova traduzione rivela particolari inquietanti

Da Cenerentola a Biancaneve: una nuova traduzione rivela particolari inquietanti

Da Cenerentola a Biancaneve: una nuova traduzione rivela particolari inquietanti

Fu la vera madre di Biancaneve, e non la matrigna, ad ordinare al cacciatore di ucciderla, Raperonzolo rimase incinta e le sorellastre di Cenerentola, al momento di provare la scarpetta di cristallo, tagliarono con un coltello le parti dei loro piedi “in eccesso”, facendo sgocciolare il sangue davanti al principe.

Sono questi i dettagli macabri e inquietanti che emergono dalla nuova ed autorevole traduzione delle fiabe dei Fratelli Grimm. Per la prima volta, l’edizione originale, realizzata nel 1812, è stata tradotta in inglese: la versione conteneva tutte e 156 le storie, che poi furono tagliate o rimodellate nel corso del tempo dagli autori. Un tuffo nel passato e un ritorno alla vera matrice che ispirò le fiabe che amiamo, del tutto diverse dalla versione edulcorata Disney.

Ecco, quindi, la mamma di Hansel e Gretel che li abbandona nel bosco perché non è più in grado di dargli da mangiare; ecco Raperonzolo che si diverte nella torre con il principe e scopre di essere incinta solo dopo aver chiesto alla mamma: “Perché i vestiti mi vanno sempre più stretti?”; ecco il momento della prova della scarpetta di cristallo nella storia di Cenerentola con la matrigna che incoraggia le sorellastre a tagliarsi parte del piede pur di infilarsela: “Qui c’è un coltello. Se è troppo stretta, allora taglia un pezzo di piede. Farà un po’ male. Ma che importa?”. E poi c’è la vera mamma di Biancaneve che non solo chiede al cacciatore di ucciderla, ma di portarle anche i polmoni e il fegato della fanciulla come prova.

Se questi particolari fanno crollare tutte le nostre certezze costruite da bambini, bisogna ascoltare l’opinione del traduttore in merito. Nella prefazione del libro, il professor Zipes (professore emerito di germanistica e letterature comparate all’università del Minnesota, che, per curiosità, si è messo a leggerle e a tradurle fino ad arrivare a pubblicare il volume) scrive: “Tutte le modifiche che furono poi fatte alla prima edizione del 1812/15 non devono farci credere che queste prime storie fossero solo un abbozzo e che avessero bisogno di essere messe a posto e che, quindi, non meritano di essere considerate da noi. Qui i i Fratelli Grimm non si erano ancora autocensurati”. Inoltre, non erano state pensate per essere raccontate ai bambini, ma erano indirizzate ad un pubblico adulto. Nate da racconti ascoltati da amici e fonti anonime, le prime fiabe, secondo il traduttore, conservano un fascino tutto loro. Ma questa è un’altra storia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *