Bambini costretti a girare video abusi in streaming dalle loro case

Bambini costretti a girare video abusi in streaming dalle loro case

Bambini costretti a girare video abusi in streaming dalle loro case

L’Internet Watch Foundation (Iwf), fondazione che vigila sull’abuso di minori online, ha scoperto che tanti bambini e bambine vengono costretti a esporsi online direttamente dalle loro camerette tramite dirette streaming.

Ragazzine, bambini minori di 13 anni e addirittura bambini sotto i dieci anni. Le statistiche nascondono una realtà orribile in cui il pedofilo fa tutto in silenzio, magari aprendo una normalissima chat con il piccolo. Da lì a chiedergli di attivare la fotocamera dello smartphone è semplicissimo, basta un bottone, e il «predatore» non deve neanche presentarsi di persona, può fare tutto da remoto.

La maggior parte delle vittime di questi abusi sono ragazzine di buona famiglia, un profilo completamente diverso da quello emerso finora negli abusi online.

Fonte 

Se ti è piaciuto/interessato questo contenuto  seguici con il tuo like sulla nostra pagina Facebook!

Iscriviti qui alla nostra newsletter

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *